MSX - Tommasi NET

Vai ai contenuti
L'MSX ("Machines with Software eXchangeability") è uno standard per un gruppo di home computer sviluppato agli inizi degli anni '80 del XX secolo. Fu concepito da Kazuhiko Nishi, all'epoca vicedirettore della filiale giapponese di Microsoft e fondatore della società ASCII,  con l'intento di creare delle linee guida comuni per la costruzione di  computer compatibili da parte di diversi produttori. Ispirati dal  successo del VHS come standard per i videoregistratori, molti produttori hardware giapponesi, insieme a Philips e Spectravideo,  costruirono e promossero i computer MSX. Qualsiasi software o  dispositivo che recasse il logo MSX era compatibile con i prodotti MSX  sviluppati da altri produttori aderenti al modello.
Nonostante il coinvolgimento di Microsoft, che realizzò sia l'interprete MSX BASIC sia il sistema operativo su disco MSX-DOS, questo progetto ebbe la sua base operativa in Giappone invece che negli Stati Uniti d'America,  né Microsoft menzionò mai questo coinvolgimento nella sua storia  aziendale, dando invece risalto ad altre collaborazioni, quali quella  per i PC IBM e quella per gli Apple Macintosh. I computer MSX ebbero pochissima diffusione nei Paesi anglosassoni: negli Stati Uniti d'America furono prodotti solo in piccola quantità da Spectravideo mentre in Gran Bretagna furono commercializzati solo da Toshiba. Gli MSX furono principalmente venduti in Giappone, in Brasile e in diversi Paesi dell'Europa: in Italia il modello più diffuso era il Philips VG-8020. Complessivamente si stima che ne siano stati prodotti circa 5 milioni di esemplari.
Copyright 1984-2021 © Soft System. All rights reserverd.
Torna ai contenuti